#1385

Stefano Parrini circoscrive la zona del fiume Merse salita alla cronaca per i versamenti di inquinanti derivati dalle scorie stoccate nei pozzi delle miniere presenti nella regione. In quel tratto il fiume si distingue per una colorazione color "mattone" così definita dagli atti della direzione provinciale dell'ARPA Toscana - che sa di ferro, di metalli pesanti e di quell'insistente volontà dell'uomo di modificare l'ambiente allo scopo di migliorare o peggiorare la propria esistenza. Dipende dai punti di vista. Ecco allora che il pantone #1385 diventa un monito incontrovertibile, una parola d'ordine inequivocabile.